Le 4 P del marketing che dovresti conoscere

4P Marketing

Le 4 P del marketing sono un concetto di base per ogni marketer che inizia in questo campo. Ma, anche se è uno dei concetti essenziali dell’insegnamento del marketing digitale, non possiamo fermarci qui.

Il paradigma del mercato, dell’utente e del consumatore è cambiato molto dal 1960, e anche se dobbiamo conoscere questi concetti, dobbiamo anche tenerci aggiornati e vedere come si sono evoluti nella nostra storia recente. In questo articolo voglio parlarvi delle 4 “P” e delle loro evoluzioni, delle 4 C e delle 4 E. Ti unisci a me?

Le 4 P del marketing

Prodotto, prezzo, punto vendita e promozione: questi sono i quattro elementi fondamentali con cui il professore di contabilità americano Edmund Jerome McCarthy ha definito il concetto di marketing nel 1960. Queste quattro variabili, note come “le 4 P del marketing”, hanno la capacità di spiegare in modo ottimale come funziona il marketing in modo completo.

Passiamo in rassegna le 4 P del marketing:

  1. Prodotto
  2. Prezzo
  3. Punto vendita
  4. Promozione

Prodotto: l’elemento attorno al quale ruota tutto

Sei d’accordo che il prodotto è l’elemento principale di qualsiasi campagna di marketing, giusto? E non esageriamo se diciamo che, in un modo o nell’altro, tutte le azioni di marketing ruotano intorno ad esso.

Si tratta di un concetto molto ampio, in quanto il prodotto copre tutto ciò che viene immesso in un mercato per la sua acquisizione e che, in qualche modo, può soddisfare un’esigenza o un desiderio del consumatore. D’altra parte, il prodotto non deve essere necessariamente qualcosa di tangibile, poiché comprende anche idee e valori. Ma c’è di più!

In qualsiasi strategia di marketing è necessario definire il prodotto nel modo migliore possibile, quindi può essere molto utile rispondere alle seguenti domande:

  • Cosa vendo?
  • Quali sono le esigenze del mio prodotto?
  • Quali sono le caratteristiche del mio prodotto? Quali sono i vantaggi che si ottengono da ciascuna di esse?
  • Quale valore aggiunto offre il mio prodotto?

Prezzo: il difficile compito di determinare il più adatto

Il concetto è molto chiaro e semplice: si tratta della somma di denaro che il consumatore deve pagare per avere accesso al prodotto o al servizio. Tuttavia, stabilire il giusto prezzo, seguendo i criteri di marketing, è uno dei temi più complessi e importanti di una campagna. In effetti, è innegabile che il prezzo è la prima cosa che la maggior parte dei consumatori guarda, o no?

Per fissare un prezzo ottimale per il nostro prodotto è necessario, tra le altre azioni:

  • Condurre studi su quanto i consumatori sono disposti a pagare.
  • Studio comparativo dei prezzi fissati dalla concorrenza per lo stesso prodotto o prodotti simili.
  • Calcolare molto bene i profitti netti che otterremo con ogni prezzo.
  • Trova la risposta giusta a domande come:
    • Qual è il valore del prodotto per il cliente?
    • Ci sono prezzi standard stabiliti o fortemente assunti dai consumatori per il nostro prodotto o per prodotti simili?
    • Se abbassiamo il prezzo del prodotto, otterremo davvero un vantaggio competitivo sul mercato?

Punto vendita: come distribuire il nostro prodotto?

Il punto di vendita o di distribuzione è il processo attraverso il quale il prodotto o il servizio raggiunge il nostro cliente, che può essere un grossista o un rivenditore. Si tratta di una questione fondamentale che avrà un’influenza significativa sul nostro margine di profitto e sulla soddisfazione dei consumatori.

Nella distribuzione ci sono molteplici variabili che devono essere analizzate in profondità. Prendi nota!

  • Stoccaggio
  • Trasporto
  • Tempi di funzionamento
  • Costi di spedizione
  • Canali che dovrei utilizzare: vendita diretta, distributori, negozi online, ecc.

Promozione: i tanti modi per farla conoscere

La promozione comprende tutti quei mezzi, canali e tecniche che faranno conoscere il nostro prodotto. Con l’emergere dell’universo online, le possibilità di fare una buona promozione sono molte, accessibili a qualsiasi budget e molto diverse per concetto e filosofia. Trova la tua!

Al giorno d’oggi, ai media tradizionali (outbound), come i cartelloni pubblicitari o gli annunci radiotelevisivi, si devono aggiungere le strategie di marketing inbound. Sono molto più amichevoli e meno invadenti, basati su contenuti elaborati e ben argomentati e, soprattutto, con un valore aggiunto per i potenziali clienti.

In ogni caso, è necessario valutare tutte le possibilità e, infine, selezionare il modo migliore (di solito una combinazione di più) per raggiungere il nostro pubblico di riferimento, studiando aspetti quali: età, popolazione, sesso, bisogni e abitudini. Questo è un passo importante, tenetelo sempre presente!

Evoluzione della 4 P, della 4 C e infine della 4 E

Le 4 P si sono evolute, adattandosi alle esigenze del mercato. Così, oggi possiamo smettere di parlare solo di prodotto, prezzo, punto vendita e promozione, e sostituire questi termini con consumatore, costo, convenienza e comunicazione.

  • Consumatore: quali sono i desideri dei tuoi clienti e le loro esigenze? In questa evoluzione sostituiamo l’attenzione al prodotto per metterlo direttamente sul consumatore.
  • Costo: sostituiamo il prezzo al costo. Perché il costo di un prodotto o un servizio non si riflette solo sul suo prezzo: è necessario tenere conto di tutti i costi dalla sua fabbricazione fino a quando il prodotto raggiunge il consumatore finale.
  • Convenienza: la convenienza è il sostituto del posto nel punto vendita. Perché quando questa P si evolve, non rimane solo dove il prodotto sarà venduto, ma anche in altri aspetti delle abitudini d’acquisto del cliente.
  • Comunicazione: il content marketing e i social network sono la chiave per raggiungere il tuo pubblico e interagire con lui in uno spazio digitale, dove si sente a proprio agio.

E queste 4 C si stanno evolvendo, a loro volta, nelle 4 E:

  • Esperienza: il cliente oggi non cerca più solo di soddisfare il suo bisogno con l’articolo che acquista. Oggi vogliono vivere un’esperienza con il marchio, da molto prima di acquistare a molto dopo averlo fatto.
  • Exchance (Scambio): si parla di “scambio”, perché a volte non c’è una vendita in quanto tale, ma il cliente “paga” con i suoi dati o il suo tempo.
  • Everyplace (Ovunque): non più solo in un punto vendita fisico. Oggi la vendita può avvenire ovunque, da qualsiasi canale: da un’app, dal mobile web, da una mail…
  • Evangelizzazione: si parla di evangelizzazione, ma potremmo dire fidelizzazione del fan. Si tratta di rendere il cliente così soddisfatto del tuo marchio da farti raccomandare, parlare di te, seguirti ad un altro livello. Come ottenere “evangelisti”? Il marketing di attrazione o il marketing inbound è un modo per raggiungere questo obiettivo.

L’adattamento di queste “P” a “C” ed “E”, progressivamente, risponde ad un cambiamento delle esigenze del mercato e dei consumatori. Devono essere costantemente adattati e infatti è probabile che tra qualche anno questi concetti cambieranno di nuovo.

Le 4 “P” del marketing è un concetto che si dovrebbe conoscere perché fa parte della storia del marketing digitale, ma è importante tenere presente che questi 4 pilastri devono essere sempre basati sull’utente ed è per questo che cambieranno e si adatteranno nel tempo. Dobbiamo essere aggiornati e concentrati sul nostro pubblico.

Contattaci

Telefono

Chiamaci senza impegno
e saremo felici di aiutarti.

Email

Email

Scrivici senza impegno
e saremo felici di aiutarti.

Accetta la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.