Come fare pubblicità su Instagram in modo efficace e a costi contenuti

pubblicità su Instagram in modo efficace

Ti piacerebbe realizzare campagne pubblicitarie online su Instagram, ma non sai come sfruttarle al meglio?

In questo articolo ti mostreremo come condurre campagne redditizie su Instagram Ads rivedendo i loro formati, dandoti alcuni consigli pratici per evitare gli errori del principiante che tutti noi abbiamo fatto, e facendoti un esempio pratico in cui ti darò le chiavi per “mettere il tuo marchio in orbita” su Instagram.

Ma prima di iniziare a fare pratica, diamo un’occhiata al viaggio che Instagram ha fatto per diventare il gioiello della corona dell’impero di Facebook.

Come funziona la pubblicità su Instagram

Instagram è nato come social network esclusivamente per la fotografia nel 2010, ma da quando è stato acquisito da Facebook nel 2012, ha iniziato ad ampliare la varietà di contenuti e formati delle pubblicazioni. Fino ad oggi, quando è diventato un social network generalista dove c’è spazio per tutti i tipi di contenuti. Tuttavia, mantenendo il fascino visivo che l’ha sempre caratterizzato.

Tutto questo gli ha permesso di raggiungere negli ultimi anni un tasso di crescita esponenziale, al punto che oggi è uno dei social network più utilizzati del pianeta, con circa 1 miliardo di utenti, superato solo da YouTube e dalla sorella maggiore Facebook.

Mentre Instagram si espandeva, i programmatori stavano preparando l’inserimento della pubblicità, che è stata resa disponibile a tutte le aziende nel 2015 integrando la sua gestione nella piattaforma pubblicitaria di Facebook Ads.

E, da allora, è diventata una delle piattaforme con i migliori tassi di interazione e di redditività pubblicitaria del mercato.

Secondo uno studio condotto da Instagram nel 2016, “il 75% degli utenti di Instagram intraprende azioni (come visitare un sito web, effettuare ricerche o acquisti, o raccomandare la compagnia ad un amico) dopo aver visto una pubblicazione che li ispira.

Ma non farti ingannare: non tutte le aziende che investono in annunci pubblicitari Instagram ottengono un ritorno sul loro investimento, tutt’altro. Solo chi ha una strategia e sa come progettare correttamente le proprie campagne ottiene risultati.

Non disperare, non è necessario essere esperti per creare campagne semplici e redditizie su Instagram. E, inoltre, oggi sei fortunat@ perché nei seguenti punti ti mostreremo tutto quello che devi sapere.

Ma prima di metterci al lavoro, nel caso in cui tu non sia ancora convint@, diamo un’occhiata a tutti i vantaggi che otterrai investendo in questo social network.

5 vantaggi dell’investimento pubblicitario su Instagram

Occorre tenere presente che Instagram è un’azienda che basa il proprio reddito sugli investimenti pubblicitari delle aziende. Pertanto, per poterne sfruttare appieno il potenziale, è necessario investire bene.

Alcuni dei vantaggi offerti da Instagram Ads sono:

  • Raggiungi i tuoi potenziali clienti con lo stesso mezzo con cui interagiscono con i loro amici e influencer.
  • Impressiona il tuo pubblico approfittando di tutte le possibilità visive che offre.
  • Raggiungi gli utenti interessati ai tuoi prodotti/servizi.
  • Migliora la tua immagine e trasmetti i valori del tuo marchio.
  • Aumenta i tuoi follower e crea una comunità intorno al tuo marchio.

7 consigli per creare annunci Instagram che si distinguono

Prima di analizzare i diversi formati pubblicitari disponibili su Instagram e iniziare con la guida per creare le tue campagne sui social network, ti daremo 7 consigli per far risaltare i tuoi annunci.

  • Simula il formato amatoriale: non dimenticate che Instagram è un social network dove gli utenti cercano di interagire con i loro amici e conoscenti. Pertanto, se simuli nella tua creatività un formato amatoriale attirerete l’attenzione dell’utente identificando il tuo annuncio con una pubblicazione dei suoi amici.
  • Crea incongruenze spaziali: crea composizioni che confondano i sensi in modo che gli utenti si fermino a guardare il tuo annuncio. La sensazione di assenza di peso, riflessi invertiti e prospettive impossibili sono di solito le più comuni.
  • Includi facce sorridenti: gli esseri umani sono attratti da altre facce, e se sorridono, ancora di più. E se anche loro sembrano godere del tuo prodotto o servizio, invierai agli utenti un messaggio implicito che li farà desiderare.
  • Usa l’umorismo: umorismo e stupore sono due degli ingredienti che funzionano meglio nei social network. Se puoi utilizzarli nel tuo lavoro creativo, aumenterai l’interazione e la portata del tuo messaggio.
  • Racconta storie: la gente è attratta dalle storie, basta guardare il “boom” delle serie. E se riuscirai a trasmettere a loro le emozioni legate al consumo del tuo prodotto/servizio, diventerai un marchio indelebile nel cervello dei tuoi clienti.
  • Mantieni la coerenza: tutto ciò non dovrebbe essere in contrasto con il mantenimento della coerenza tra la tua creatività e il tuo prodotto/servizio. Non dimenticare che l’obiettivo in sé non è quello di creare il contenuto che genera più interazione, ma di raggiungere il nostro target di riferimento: è questo che aiuta ad aumentare le vendite.
  • Aumenta la qualità: un altro modo per distinguersi è la qualità. Se offri un contenuto di qualità superiore attirerai l’attenzione degli utenti e aumenterai l’efficacia delle campagne. Un chiaro esempio sono le creatività utilizzate da marchi internazionali come Nike, Coca Cola, ecc. Ma non è necessario spendere migliaia di euro per raggiungere questo obiettivo, se si riesce ad offrire la migliore qualità tra i concorrenti si otterrà lo stesso risultato.

Quali tipi e formati di annunci su Instagram utilizzare?

Ora che abbiamo esaminato le caratteristiche della pubblicità Instagram e i suoi vantaggi e che hai le chiavi per creare annunci che si distinguono, diamo un’occhiata a tutti i formati di annunci che è possibile utilizzare sulla piattaforma.

In questo modo potrai dare libero sfogo a tutta la tua creatività pur conoscendo le regole del gioco. Inoltre, ti daremo alcuni consigli su come ottimizzare ogni formato in modo che tu possa avere idee da applicare alle tue campagne.

Immagine

Il formato immagine è il più usato e semplice (a priori) da implementare. Tuttavia, creare un’immagine pubblicitaria che attiri l’attenzione del tuo pubblico di riferimento in un ambiente in cui il livello di qualità fotografica è molto alto, non è affatto semplice.

Cerca di inserire un’immagine di qualità che, oltre a trasmettere un messaggio che rafforzi l’obiettivo della tua campagna, si distingua per qualità e creatività.

inserzione instagram immagine

Tutti gli investimenti effettuati a questo punto saranno ricompensati. E si otterrà un costo pubblicitario più basso e una conversione più alta.

Il formato più utilizzato è il quadrato, ma è possibile utilizzare anche il formato verticale.

Le dimensioni consigliate per le immagini delle inserzioni di Instagram dipendono dal formato che usi:

Quadrato

  • Risoluzione minima (600 x 500 pixel)
  • Risoluzione massima (1936 x 1936 pixel)

Orizzontale

  • Risoluzione minima (600 x 315 pixel)
  • Risoluzione massima (1936 x 1936 pixel)

Verticale

  • Risoluzione minima (600 x 750 pixel)
  • Risoluzione massima (1936 x 1936 pixel)

Video

Il video è il formato stellare dei social network, affermandosi come uno dei formati con la maggiore interazione e che meglio si connette con gli utenti.

Ciò è dovuto a due fattori. In primo luogo, le immagini in movimento attirano più attenzione di un’immagine statica e, in secondo luogo, è possibile trasmettere molte più informazioni attraverso un video e gli utenti apprezzeranno più dettagli che indicheranno che stanno affrontando la loro migliore opzione di acquisto.

inserzione instagram video

Tuttavia, il video ha anche un grande svantaggio: la sua difficoltà e l’alto costo di produzione.

Realizzare video di qualità ha un costo elevato che molte aziende non possono permettersi. Ma sicuramente hai un cellulare all’avanguardia, giusto?

Allora approfitta di quella fotocamera da “trilioni” di megapixel e inizia a creare semplici video per le tue campagne. Nelle sezioni seguenti ti mostrerò come spiare gli annunci dei tuoi concorrenti per ottenere ispirazione e idee per creare i tuoi.

Per quanto riguarda il formato, non possono durare più di 2 minuti e possono avere le seguenti proporzioni:

  • Quadrato: 1:1
  • Orizzontale: 1,91:1
  • Verticale: 4:5

Carosello

Attraverso caroselli puoi mostrare diverse immagini o video nei tuoi annunci. E si può approfittare di questa funzionalità per:

  • Evidenziare diverse angolazioni di un prodotto
  • Mostra diversi prodotti
  • Elencare le caratteristiche di un servizio
  • Creare una composizione a mosaico
  • Raccontare una storia in più fasi
  • E tanto altro
inserzione instagram carosello

Come in tutti i casi, spazio alla creatività. Ma una cosa che funziona molto bene per far sì che gli utenti vedano tutte le immagini sul carosello è includere dei marcatori visivi che indicano che ci sono più immagini da visualizzare. Oppure, nel caso in cui si includano video, invitare l’utente a scorrere per vedere il video successivo.

In questo caso il formato consentito è solo quello quadrato e le immagini devono avere almeno una risoluzione di 600×600 pixel.

Storie

Le storie sono uno dei punti di forza di Instagram, al punto che più di mezzo miliardo di persone le usano ogni giorno.

Le storie hanno molti vantaggi, tra cui un’esperienza totalmente inversa, dove per 30 secondi si ha la piena attenzione dell’utente e lo si può convincere a compiere l’azione oggettiva.

Inoltre, non ci si limita a utilizzare una sola immagine o un solo video. Puoi invece utilizzare più immagini o video per ampliare le possibilità creative e il messaggio che trasmetti.

Inserzione instagram Stories

Per quanto riguarda i formati, sono supportati tutte le dimensioni delle immagini e dei video visti in precedenza, quadrati, 4:5 e 1:91.

La durata massima del video è di 120 secondi, mentre la risoluzione consigliata è di 1080 x 1920.

Raccolte

Attraverso le raccolte puoi mostrare agli utenti una collezione di prodotti in un formato molto visivo e completamente adattato ai cellulari.

Inoltre, se installi il pixel di Facebook sul tuo sito web e sincronizzi il catalogo del tuo negozio online con quello di Facebook, potrai mostrare in modo personalizzato i prodotti che interessano maggiormente i tuoi potenziali clienti.

Inserzione instagram Raccolta

Scopri la guida completa di Instagram per le aziende!

by Digital Salad

Come scoprire la strategia pubblicitaria dei tuoi competitor su Instagram?

Ora che conosci in poche parole le possibilità offerte dalla piattaforma, devi sapere cosa funziona nel tuo settore e a che livello sono i tuoi concorrenti.

Questo passo è essenziale e ti farà risparmiare un sacco di mal di testa per scoprire cosa funziona e cosa no. Non ti stiamo dicendo di copiare la concorrenza, tutt’altro. Bensì che prima di uscire a giocare è necessario conoscere i propri avversari. Vogliamo dire, i tuoi competitor.

Ma si può andare molto più lontano se si guarda ai grandi protagonisti del proprio settore, quelli che hanno più capitali e gestiscono le campagne più creative. Sicuramente ti verranno in mente molte idee da applicare alle tue campagne su Instagram Ads.

Detto questo, vediamo come puoi fare ricerche sugli annunci dei tuoi concorrenti. Basta seguire questi passi:

  • Accedi al profilo Instagram che ti interessa.
  • Amplia il menu di navigazione laterale.
  • Clicca su “informazioni su questo account”.
  • Entra nella scheda “Annunci attivi”.
  • Ta-da! Ora sei in grado di ricercare tutte le creazioni dei tuoi concorrenti.
informazioni inserzioni instagram

Come creare campagne pubblicitarie su Instagram e Facebook

Se sei arrivat@ fin qui, conosci già le caratteristiche della pubblicità Instagram, i formati disponibili e alcuni trucchi per ottenere una creatività che si connetta con il tuo pubblico, e sei stat@ ispirat@ dalla ricerca della tua concorrenza.

Ora passiamo all’azione e creiamo la tua prima campagna pubblicitaria Instagram, un passo alla volta.

Collega la tua pagina Facebook al tuo profilo Instagram

Per prima cosa, dovrai collegare il tuo account Instagram alla tua pagina Facebook, visto che sarà dal business manager di Facebook Ads che gestiremo le campagne su Instagram.

Per farlo dovrai andare nella tua pagina Facebook, entrare nelle impostazioni e cliccare sulla voce Instagram. A quel punto segui la procedura per collegare l’account, ma ti verrà semplicemente chiesto di effettuare il log in ad Instagram e di certificare la tua persona.

Collegare pagine Instagram a Facebook

Inserisci il business manager di Facebook Ads

Il prossimo passo sarà quello di creare un account pubblicitario dal business manager di Facebook Ads.

Questo account pubblicitario sarà collegato alla tua pagina Facebook e ad Instragram. Devi sapere che sarai in grado di creare e gestire un numero finito di account pubblicitari personali o di clienti.

Il più comune è quello di avere un account pubblicitario per ogni marchio o azienda.

business manager facebook Account pubblicitari

Una cosa che ti consigliamo di fare fin dal primo momento, anche se non entreremo nei dettagli in questo articolo per non complicarlo troppo, è aggiungere il pixel di Facebook sul tuo sito web.

Nel caso non lo conosci, il pixel di Facebook è un codice che, una volta inserito nel sito web, memorizza nel business manager di Facebook Ads il comportamento che hanno i visitatori.

E attraverso questi dati è possibile creare campagne di retargeting su Facebook, ad esempio, per colpire gli utenti che hanno visitato il sito web e se ne sono andati senza completare l’acquisto.

Interessante, vero?

Bene, anche se sembra molto avanzato in questo momento e non vogliamo complicarti ulteriormente la vita, ti consigliamo di installarlo, perché in questo modo se entro pochi mesi vorrai fare campagne più avanzate, avrai un ottimo database su cui lavorare.

Il processo è molto semplice, e se hai installato il codice di Google Analytics sul tuoi sito web non avrai problemi a farlo.

Crea una campagna e seleziona il tuo target

Ora che hai il tuo account pubblicitario attivo e funzionante, è il momento di creare la tua prima campagna.

Ed è a questo punto che molti si trovano di fronte alla stessa domanda: quale target della campagna devo selezionare?

Esaminiamo brevemente quali sono gli obiettivi esistenti e quando si dovrebbe utilizzare ciascuno di essi.

campagna instagram Fase 0 scelta obiettivo

Prima di tutto, devi capire che gli obiettivi della campagna sono divisi in tre gruppi che rappresentano il processo decisionale di acquisto del tuo target di riferimento. Guardiamole brevemente:

Gruppo notorietà: gruppo target focalizzato sull’impatto sugli utenti che non ti conoscono (traffico freddo) e sulla scoperta del tuo marchio e del prodotto/servizio che offri. In questa categoria non chiederemo agli utenti di eseguire alcuna azione, perché vogliamo solo trasmettere autorità e fiducia. In questo gruppo sono gli obiettivi di:

  • Notorietà del brand
  • Copertura

Gruppo considerazione: una volta ottenuto il riconoscimento da parte degli utenti, si deve passare a far sì che essi ti identifichino (o ti considerino) come soluzione al loro problema. Ora che si fidano di noi e ci tengono in considerazione, possiamo chiedere loro qualcosa, come visitare il nostro sito web, scaricare un PDF, compilare un form contatti, ecc. All’interno di questo gruppo ci sono gli obiettivi di:

  • Traffico
  • Interazione
  • Download di applicazioni
  • Riproduzione video
  • Generazione di contatti
  • Messaggi

Gruppo conversione: infine, ci sono i gruppi target con i quali faremo in modo che gli utenti completino il loro acquisto quando avranno mostrato interesse per il nostro prodotto/servizio. Qui si inseriscono le campagne di retargeting, che si possono fare se si installa il pixel di Facebook. In questa categoria ci sono:

  • Conversioni
  • Vendita prodotti dal catalogo
  • Traffico al punto vendita

Scelto il tipo di obiettivo possiamo definire la durata della nostra campagna e il budget a disposizione, che potrà essere impostato sia giornalmente oppure indicando una somma complessiva, oltre la quale non vogliamo andare.

campagna instagram Fase 1 scelta del budget

Crea una serie di annunci e segmenta il tuo pubblico

Una volta fissato l’obiettivo della tua campagna, è necessario creare un gruppo di annunci, in cui segmentare il tuo target di riferimento e i luoghi in cui gli annunci appariranno su Instagram (storie o feed).

Comprenderai che ogni campagna può avere diversi gruppi di annunci che utilizzerai per rivolgerti a un pubblico diverso.

campagna instagram Fase 2 scelta dei posizionamenti

Ad esempio, una business school creerà una campagna per raggiungere gli utenti che sono interessati ad uno dei suoi corsi, e creerà diversi gruppi di annunci per indirizzare diversi profili di potenziali clienti (manager, studenti, dipendenti, ecc.), ognuno dei quali acquisterà per diversi motivi, per cui i messaggi dovranno essere personalizzati.

E, a sua volta, all’interno di ogni gruppo di annunci creeremo diverse versioni di annunci con diverse copie e creatività per ottimizzare i messaggi e aumentare la redditività.

Crea i tuoi annunci su Instagram

Infine, come abbiamo già detto al punto precedente, dovremo creare gli annunci per Instagram. Adatteremo sia i creativi che il testo alle location che avete selezionato in ogni gruppo di annunci, così come al pubblico che hai scelto.

In questa fase possiamo scegliere ognuna delle diverse soluzioni che abbiamo spiegato precedentemente: immagine, video, carosello, stories oppure raccolta.

campagna instagram Fase 3 Creazione della creatività

Facebook ci metterà a disposizione un’anteprima di come verranno visualizzati i nostri annunci sui vari posizionamenti che abbiamo scelto.

Suggerimenti per ottimizzare la tua pubblicità Instagram

Seguendo i punti precedenti avrai creato la tua campagna su Instagram e comincerai ad influenzare il tuo target di riferimento con i tuoi annunci, ma se pensi che il lavoro sia finito qui, ti sbagli. È appena iniziato.

La maggior parte delle campagne non sono redditizie all’inizio, soprattutto se si è inesperti, e solo dopo aver lavorato sodo per ottimizzarle si ottiene la redditività desiderata. Per aiutarti in questo processo, esamineremo 5 punti da seguire per ottimizzare le tue campagne.

Definisci il tuo acquirente

Un “buyer persona” è la rappresentazione dettagliata del tuo cliente ideale, ma non solo con le sue caratteristiche, ma anche con nome e cognome. Devi fornirgli l’identità, la personalità e le motivazioni, nonché tutti i dati rilevanti per aiutarti a comprendere il suo comportamento d’acquisto.

E non si può creare un unico acquirente. Devi crearne tanti quanti sono i tuoi clienti. Questo esercizio ti aiuterà a comprendere meglio le caratteristiche e le motivazioni dei tuoi clienti, riuscendo a personalizzare i tuoi annunci, a connetterti meglio con il tuo pubblico e ad aumentare la tua redditività.

Anche con un prodotto semplice come degli occhiali da sole, all’inizio si potrebbe pensare che non si possano creare molti acquirenti. Ti sbagli.

Le caratteristiche del prodotto sono semplici, ma non quelle del suo acquirente. La personalità, il potere d’acquisto, l’età, il linguaggio, lo stile o le caratteristiche più apprezzate dai clienti che lo acquistano.

Pertanto, se crei le tue campagne pensando solo ad una di queste persone acquirenti, perderai molti clienti non collegandoti con loro attraverso i tuoi annunci.

Utilizza tecniche di copywriting

Il copywriting è l’arte di convincere con le parole, utilizzando tecniche di scrittura persuasive con l’obiettivo di far compiere al lettore un’azione. Per esempio, un acquisto.

Ci sono decine (o centinaia) di tecniche di scrittura persuasive, ma te ne riassumiamo l’essenza:

“Connettiti con le emozioni o le esigenze dei lettori e usa questa connessione per far passare il tuo messaggio e fargli intraprendere l’azione voluta”.

Ti lasciamo i riferimenti di due dei più famosi metodi di copywriting utilizzati per creare annunci:

  • Modello AIDA (aida framework)
  • Modello PASTOR (pastor framework)

Cercali su Google!

Adatta i messaggi e la creatività al tipo di pubblicità

Devi adattare i tuoi annunci al posizionamento che hai definito in ogni gruppo di annunci. È molto allettante usare la stessa immagine per mostrarla nel feed, nelle stories, oppure nella sezione esplora ad esempio, ma non lo consigliamo per due motivi:

  • Non è professionale: se non adatti la tua creatività al formato pubblicitario, non sarai in grado di trasmettere il messaggio in modo efficace, perché il testo non verrà letto correttamente o l’immagine verrà tagliata.
  • Stai sprecando il tuo denaro: immagini con il giusto formato, o meglio ancora creatività differenti a seconda del tipo di posizionamento, permettono di ottimizzare il budget. Fai dei test per verificarlo.

Analizza e ottimizza

Immagino che tu conosca il detto: “Ciò che non può essere misurato, non può essere ottimizzato“. E ciò che non è ottimizzato finisce per degradarsi fino a perdere la sua validità e la sua redditività.

Se si considera che le capacità pubblicitarie e di analisi di Instagram sono enormi, non ci sono scuse. Quindi sai cosa devi fare. Apri la scheda di analytics nel tuoi business manager e immergiti nei dati della tua campagna per ottimizzarla progressivamente.

Facebook Analytics

Ecco alcune delle metriche più importanti da prendere in considerazione:

  • Impression: il numero totale di volte in cui tutti i post sono stati visti.
  • Copertura: il numero di account unici che hanno visualizzato un certo contenuto.
  • Visualizzazioni del profilo: numero di volte che la pagina profilo è stata visualizzata.
  • Click sul sito web: numero di volte in cui è stato cliccato il sito web presente sul profilo.

Non dare nulla per scontato: fai A/B test

Infine, non si può fare affidamento sulla propria percezione per dire se una creatività o un copy sia migliore di un altro. Sarà il tuo pubblico a decidere chi è il vincitore.

L’esecuzione di un A/B test ti aiuterà a trovare la chiave e ad ottimizzarla poco a poco per ottenere la massima redditività.

Ecco un avvertimento: per poter trarre conclusioni dai tuoi A/B test, non ci possono essere grandi differenze tra le due versioni. L’ottimizzazione deve essere sempre effettuata.

Si tratta di una gara a lunga distanza, e dovrai effettuare un numero infinito di prove per trovare l’annuncio perfetto. Quindi abbi pazienza e migliorati a poco a poco.

Conclusioni

Bene, se hai letto questo articolo fino in fondo ti facciamo i nostri più sentiti complimenti. Abbiamo trattato argomenti non semplicissimi e se sei un neofita potrai aver avuto difficoltà in alcuni passaggi. In tal caso ti consigliamo di rileggere l’articolo magari più avanti, dopo aver fatto un po’ di esperienza.

Ad ogni modo, ci auguriamo che l’articolo ti sia servito per chiarire alcuni dubbi che avevi e per capire meglio come muoverti nella creazione delle campagne pubblicitarie di Instagram e Facebook.

Se hai domande, vuoi condividere la tua esperienza di investimento in annunci Instagram o semplicemente dirci cosa ne pensi dell’articolo, ti invito a contattarci, in modo da poterci conoscere un po’ meglio!

Come sempre, se sei alla ricerca di un’ agenzia social media marketing, che possa gestire i tuoi social aziendali, trovi i nostri contatti in calce!

Contattaci

Telefono

Chiamaci senza impegno
e saremo felici di aiutarti.

Email

Email

Scrivici senza impegno
e saremo felici di aiutarti.

    [wpgdprc"Accetta la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web."]